DEGU',LEMMING,JACULUS SCHEDA

Classe Mammalia (Mammiferi) Ordine Rodentia (Roditori) Sottordine Hystricomorpha (Istricomorfi) Famiglia Octodontidae (Octodontidi) Genere Octodon Specie O. degus
il Degu è erbivoro si nutre solo di vegetali


in natura si nutre di corteccia,piante,erbe,bulbi,gemme e germogli, e talvolta di semi e frutta
inoltre nella stagione secca si nutre di escrementi di cervi,bovini e equini.

in cattività l'alimento principale è l'erba fresca,e altre piante come tarassaco, trifoglio, piantaggine, ecc.
le erbe frescHe si possono sostituire con il fieno,il migliore è quello costituito da molte erbe.il fieno deve essere fresco ed ben conservato.
la dieta verrà integrata con le verdure come radicchio,carote,peperoni,insalate.bietole,spinaci,cicoria.
si possono aggiungere alla dieta anche dei rametti con germogli
pioppo,quercia , castagno, faggio, salice, vite.

Gli alimenti confezionati vanno bene quelle per cincillà e per cavie della ditta Bunny.
il pellettato è molto nutriente e si rischia ingrassamento quindi va dato in quantità limitata.

Le verdure vanno date fresche ben lavate asciutte è a temperatura ambiente.
le erbe freschè vanno raccolte lontano dalla strade e in un posto dove c'è la sicurezza che non sono inquinate.
Acqua fresca a disposizione da cambiare ogni giorno.





gli alimenti sconsigliati


sono da evitare gli alimenti comerciali con semi girasole, mais, frumento, riso,fiocchi di cereali, frutta secca e pezzi di carrube.Questo alimento non è adatto hai degu perchè è diversa dalla sua dieta naturale e per intenderci neanche per cavie conigli cincillà etc.perchè molto grasso è povero di fibra.

i snack per roditori bastoncini di mellassa,caramelle al yogurt ,frutta secca.
Ordine Rodentia Superfamiglia Muroidea Famiglia Cricetidae Sottofamiglia Arvicolinae Tribù Lemmini
I lemming (in italiano lemmi, singolare lemmo)[1] sono piccoli roditori artici, il cui habitat è normalmente il bioma tundra. Insieme alle arvicole, cui sono molto simili, ed ai topi muschiati, costituiscono la sottofamiglia Arvicolinae (o Microtinae), che fa parte del ramo dei mammiferi più ampio in assoluto, la superfamiglia Muroidea, che include anche ratti, topi, criceti e gerbilli. La maggior parte delle specie fa parte della tribù Lemmini, una delle tre che compone la sottofamiglia Arvicoline.Pesano generalmente tra 30 e 120 g e sono lunghi tra 7 e 15 cm. Hanno pelo lungo e soffice e coda molto breve.Sono erbivori, nutrendosi principalmente di foglie e germogli, Graminacee e Cyperacee in particolare, ma a volte anche di radici o bulbi. Come per molti altri roditori, i loro incisivi crescono continuamente, permettendo loro di sussistere su cibo assai più duro di quanto sarebbe altrimenti possibile.

I lemming non vanno in letargo durante i duri inverni nordici. Rimangono attivi, e trovano cibo scavando sotto la neve e nutrendosi di vegetali immagazzinati durante la bella stagione. Sono animali solitari, che si incontrano in natura soltanto per accoppiarsi, ma come tutti i roditori hanno un alto tasso di riproduzione e le popolazioni, in condizioni favorevoli, possono esplodere numericamente.Il comportamento dei lemming è molto simile a quello di molti altri roditori, che hanno di quando in quando delle "esplosioni" nel numero di componenti, e di conseguenza si disperdono in tutte le direzioni, in cerca di cibo e sostentamento.

I pregiudizi sui lemming sono assai antichi. Nel XVI e XVII secolo gli eruditi dibattevano se i lemming fossero in realtà generati spontaneamente dalle condizioni dell'aria. Questa concezione fu provata erronea, dallo storico naturale Ole Worm, che fornì una delle prime dissezioni pubbliche di un lemming, dimostrando che la sua anatomia era assolutamente simile a quella di un qualsiasi roditore.

I lemming della Norvegia settentrionale sono uno dei pochi vertebrati che può riprodursi così rapidamente da dare origine a fluttuazioni caotiche[2], anziché seguire una crescita uniforme verso il numero massimo di individui o ad oscillazioni regolari. Un'oscillazione caotica nelle popolazioni può prodursi (in teoria) quando ciascuna femmina adulta è in grado di produrre almeno 2,7 figlie fertili nell'anno.

Per molto tempo si è ritenuto che la popolazione dei lemming seguisse dinamiche legate soltanto al numero degli individui ed alla disponibilità di risorse dell'habitat. Oggi almeno uno studio riporta un'influenza più diretta della popolazione dei predatori sul numero dei lemming.È nozione comune che i lemming commettano un suicidio di massa durante le migrazioni, ma questa opinione popolare non ha supporti scientifici. I lemming migrano spesso in gruppi numerosi, e di conseguenza molti di loro periscono per cause accidentali oppure per la pressione degli altri individui che può causarne la caduta in corsi d'acqua, dirupi, ecc. Il mito del suicidio di massa dei lemming sembra sia stato iniziato, in particolare, da un "documentario" del 1958 della Disney intitolato White Wilderness, che include varie scene di lemming che sembrano buttarsi da un'alta scogliera; scene tuttavia che sono state costruite ad arte in Manitoba [4]. Ancora antecedente è una storia, sempre della Disney e ideata da Carl Barks, intitolata in italiano Il lemming con il ciondolo e imperniata appunto sul mitico suicidio di massa dei lemmings. La storia fu pubblicata tra marzo e maggio del 1955.

Anche Primo Levi si basò su questo mito per scrivere il racconto Verso occidente, contenuto nella raccolta Vizio di forma del 1971.

A causa della loro associazione con questo bizzarro comportamento, il suicidio dei lemming è una metafora assai usata per riferirsi a persone che seguono acriticamente l'opinione più diffusa, con conseguenze pericolose o addirittura fatali. Questo è anche il tema del videogioco Lemmings, dove il giocatore istruisce le creature sotto il suo controllo affinché eseguano compiti a volte anche autodistruttivi, finché non riescono ad uscire dallo schema del gioco o soccombono.


Regno: Animalia Phylum: Chordata Classe: Mammalia Ordine: Rodentia Famiglia: Dipodidae Genere: Jaculus Specie: J. orientalis Areale: Algeria, Egitto, Israele, Libya, Marocco, Arabia Saudita, Tunisia
Lungo 10–12 cm (più 20 di coda), è adatto a saltare a grande velocità sul suolo sabbioso. Ha piedi posteriori lunghi, ciascuno con tre dita su un cuscinetto di peli e coda lunga che viene usata per bilanciarsi. Il pelo è arancio sul dorso, arancio-grigiastro lungo i fianchi e bianco nelle parti inferiori. Scava tane con molte uscite di emergenze e tappa questi buchi per tenere fuori il calore e i predatori. Percorre grandi distanze di notte e fa dei bagni di sabbia per tenere pulito il proprio corpo. Solitario, la femmina dà alla luce dopo una breve gestazione da 4 a 10 piccoli.L'areale del Topo delle piramidi è grande, andando del Sahara all'Arabia includendo: Marocco, Spagna (Melilla), Algeria, Egitto, Libia, Mali, Mauritania, Sudan, Siria, Giordania, Palestina, Israele, Arabia Saudita, Yemen, Oman e Qatar.

Alimentazione [modifica]

Questo roditore, riguardo all'alimentazione è prudente. Infatti, a differenza di altri Roditori nordafricani, non è molto goloso e si accontenta di mangiare ciò che trova: fiori, erba, frutta, semi, tuberi, insetti, uova di uccelli.

Scrivi un nuovo commento: (Clicca qui)

123homepage.it
Caratteri rimanenti: 160
OK Sta inviando...
Vedi tutti i commenti

Commenti più recenti

12.12 | 10:40

Buongiorno, Sarei interessato ad acquistare uno scoiattolo, vorrei maggiori info su specie e prezzo.
Grazie

...
10.12 | 20:05

Salve vorrei acquistare un cucciolo/a di moffetta americana già deghiandolato/a
Ne ha ancora disponibili?
Grazie e buona giornata

...
04.12 | 23:38

Salve, sono interessato a surricato. Potrei sapere costo? Grazie

...
27.11 | 19:03

buonasera sarei interessato ad acquistare un cucciolo di suricatto qualcuno mi puo dare maggiori informazioni su allevamento grazie

...
A te piace questa pagina
Ciao!
Prova a creare la tua pagina web come me! E' facile e lo puoi provare gratis
ANNUNCIO